Vorrei chiarire meglio la figura del Tutor DSA alla quale, da qualche tempo, i genitori si affidano. 

La legge 170/2010, in presenza di disturbi specifici dell’apprendimento (DSA), prevede che la scuola fornisca allo studente una serie di strumenti compensativi e dispensativi anche se non prevede la presenza del sostegno. 

Attenzione però, perchè il Tutor DSA, per definirsi tale, deve avere delle competenze specifiche acquisite e certificate da percorsi formativi ad hoc tenuti da esperti del settore, in primis i pedagogisti. 

E’, quindi, importante che il genitore pretenda di verificare tali competenze, proprio per evitare il rischio che il Tutor diventi un semplice sostituto del ragazzo nello svolgimento dei compiti a casa, a fronte di un DSA, oppure, in caso di supporto ai compiti a casa in ragazzi non DSA né BES, che una persona specializzata nel dare ripetizioni si spacci per Tutor DSA senza averne le reali competenze, magari per averne un vantaggio economico. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui